Chiusa l’inchiesta sulla “cupola” calabrese

I 72 indagati - Tra loro il senatore Caridi (in cella), noti avvocati, un prete e un giudice. Accuse di mafia e associazione segreta
Chiusa l’inchiesta sulla “cupola” calabrese

“Fruiva dell’appoggio della cosca De Stefano”. Il senatore di Gal Antonio Caridi, in carcere da agosto, operava “in modo stabile, continuativo e consapevole a favore del sistema criminale che agevola mediante l’uso deviato del proprio ruolo pubblico”. Assieme agli avvocati Paolo Romeo e Giorgio De Stefano, ritenuti le teste pensanti della ’ndrangheta, il senatore Caridi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.