Chissà poi se Cruchi era davvero un perverso

Chissà poi se Cruchi era davvero un perverso

Da oggi in libreria “Angeli terribili” di Gianni Barbacetto, un viaggio nella memoria divisa della Carnia e del nostro Paese. Ne anticipiamo un estratto. Qui giace Cruchi/ uomo iniquo e perverso/ pregare per lui/ è tempo perso. Così era scritto sulla tomba di un uomo morto sul finire della Seconda guerra mondiale. Era stato sepolto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.