“Chi usa la violenza non è antifascista, ma l’onda nera cresce”

Marco Revelli - “Non c’è uno scontro simmetrico, si moltiplicano le intimidazioni di estrema destra”
“Chi usa la violenza non è antifascista, ma l’onda nera cresce”

Marco Revelli lo abbiamo interpellato come professore di Scienza politica, ma anche come figlio di un eroe partigiano (Nuto). Subito chiarisce la questione lessicale: “Non parliamo di ‘violenza politica’, come se fosse uno scontro simmetrico tra bande contrapposte. C’è una moltiplicazione di episodi d’intimidazione e violenza da parte dei neofascisti…”. A Palermo è stato aggredito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.