Chi usa la piattaforma (privata) deve stare alle sue regole. E viceversa

Le affermazioni di Mark Zuckerberg per giustificare ciò che è accaduto con le violazioni di Facebook è di una gravità inaudita, ed è sorprendente che non ci siano state reazioni per quanto è stato espresso. Zuckerberg ha praticamente riscritto le pagine della giurisprudenza, gettando le basi di una nuova filosofia del diritto fondata sulla situazione […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.