Chi ruba poi non paga. Il tesoro perduto della Corte dei Conti

Il buco - In cinque anni la magistratura contabile ha emesso condanne per 646 milioni. Gli amministratori pubblici, però, ne hanno restituiti solamente un terzo
Chi ruba poi non paga. Il tesoro perduto della Corte dei Conti

C’è un tesoro di centinaia di milioni di euro su cui lo Stato italiano non riesce a rimettere le mani. Nel quinquennio 2011-2015 la Corte dei Conti ha pronunciato sentenze di condanna definitiva per 646 milioni. Di questo denaro, nelle casse dello Stato è entrato poco più del 33%: 213 milioni, praticamente un euro su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.