Chi muore, chi guadagna: i boss del traffico umano

Osama comanda a Sabratha, Razak è l’uomo dei porti di Tripoli e ha un uomo chiave in Sudan. Ermias Ghermay è sparito
Chi muore, chi guadagna: i boss del traffico umano

Nel Mediterraneo c’è acqua, sale e adesso ancora più sangue. Chi è partito dalla Libia e dall’Egitto negli ultimi giorni di maggio riposa ora nel cimitero degli abissi e delle onde. Una marea umana: di vivi, di morti, di dispersi dove le cifre aggiornate ora dopo ora fino a qui, dopo tre naufragi, stimano 700 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.