» Società
lunedì 06/03/2017

Che errore imperdonabile: ho osato dire “ti amo” all’uomo che frequentavo

Che errore imperdonabile: ho osato dire “ti amo” all’uomo che frequentavo

  Ciao Selvaggia, volevo raccontarti una storia, una storia come ce ne sono tante: io libera lui libero, ci conosciamo, ci piacciamo, ci frequentiamo. Passano due mesi, i sentimenti crescono, si usano frasi come “Adesso non sei più sola”, “Promettimi che non te ne andrai via”. Entrambi feriti dalle nostre relazioni passate ma con la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Storie

Eravamo Frank Zappa, il generale Dalla Chiesa… e io, dietro le quinte

Commenti

Dj Fabo, il gesto di Cappato non può restare un crimine

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×