C’era una volta Whitney, il tesoro dalla pelle fragile

C’era una volta Whitney, il tesoro dalla pelle fragile

  Come per Amy (Winehouse), splendidamente ritratta post- mortem dal premio Oscar Asif Kapadia nel 2015, anche per Whitney (Houston), splendidamente ritratta post- mortem dal premio Oscar Kevin Macdonald, scendono lacrime e s’avanza una domanda: perché? Perché queste vite spezzate, questi talenti (parzialmente) sprecati, ovvero, queste morti premature? Per la Winehouse le ragioni si sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.