C’era una volta Kobane, ora i turchi vogliono murare i curdi

Dopo la vittoria contro l’Isis per l’Occidente erano eroi, adesso Ankara vuole isolare fisicamente i miliziani dell’Ypg che per Erdogan sono “terroristi che combattono altri terroristi”
C’era una volta Kobane, ora i turchi vogliono murare i curdi

Prima del settembre 2014, quasi nessuno al di fuori dalla Siria aveva sentito parlare di Kobane. Poi, lo Stato Islamico, nato ufficialmente da due mesi soltanto, da quando Abu Bakr al-Baghdadi si era autoproclamato Califfo a Mosul, aveva lanciato l’attacco. L’assedio e gli scontri durissimi tra le milizie curde dello Ypg e gli uomini dell’Isis […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.