C’era tritolo a Limbadi “I clan ci perseguitano”

La madre di Vinci, ucciso dall’autobomba: “I soprusi dei Mancuso iniziati nel ’93”
C’era tritolo a Limbadi “I clan ci perseguitano”

Era imbottita di tritolo la Ford Fiesta che lunedì è esplosa a Limbadi e ha ucciso l’ex rappresentante di medicinali Matteo Vinci. Gli investigatori non hanno dubbi: “L’obiettivo di chi ha preparato l’autobomba non era solo quello di uccidere, ma soprattutto mandare messaggi”. Messaggi agli abitanti del paesino, in modo che capiscano il destino di […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.