Censura in Cina, passo falso di Cambridge

Compromessi - Prima rimuove i testi anti-regime, poi li ripristina dopo le proteste degli intellettuali
Censura in Cina, passo falso di Cambridge

Censurarsi o sparire, questo è il dilemma nella Cina di oggi. Cambridge University Press, la più antica e prestigiosa casa editrice universitaria del mondo, ha prima rimosso per alcuni giorni, su richiesta del governo di Pechino, centinaia di articoli dalla sua pagina web visibile in Cina. In un secondo momento, è tornata sui suoi passi, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.