C’è una linea sottile tra integrazione e disintegrazione

“Un pappagallo volò sull’Ijissel” di Kader Abdolah, il romanzo di una nuova vita da costruire in un Paese di cui non si conosce la lingua
C’è una linea sottile tra integrazione e disintegrazione

In quest’epoca di sbarchi, tragedie marittime e rabbia gridata, il racconto dell’immigrazione si è concentrato sulla fuga, sul prima e il durante, mai sul dopo. Su come si costruisca una vita, e un’identità, in un Paese di cui non si conosce la lingua, dove i propri valori e ideali sono percepiti come antichi, perfino stupidi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.