C’è un piccolo Ligabue in un basso di Ortigia

Siracusa - Pittore naïf, già internato in manicomio, Accolla vive in un fondaco annerito dalla muffa
C’è un piccolo Ligabue in un basso di Ortigia

In un basso di Ortigia, dietro il tempio di Apollo, ci aspetta Salvatore Accolla, classe 1946. Recita un paio di versi delle sue poesie in dialetto, legge da un libriccino appena pubblicato. Non è mai andato a scuola. In quel fondaco annerito dalla muffa riparano le sue tele enormi, smalti che riproducono inseguendosi febbrilmente barche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.