C’è un film horror. A Pontida piove e il governo è quasi ladro

Il secondo Festival dell’orgoglio migrante antirazzista, previsto per sabato 12 maggio sul pratone di Pontida, caro agli ampollari della Lega Lombarda che fu, è stato annullato. Ragioni politiche? Salvini che tuona da Roma? No. O meglio, i tuoni c’entrano: ma sono quelli dei temporali. Il raduno nella prima edizione (lo scorso 22 aprile) registrò 5mila […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.