Ce lo insegnano gli antichi: gli animali sono nostri amici

Da Ovidio a Litz, Paolo Isotta attraversa letteratura e musica per raccontare le umiliazioni inflitte dall’uomo ai suoi “fratelli”, capaci non soltanto di perdonare, ma anche di dare l’esempio
Ce lo insegnano gli antichi: gli animali sono nostri amici

Gli animali e gli uomini sono profondamente legati: musica e letteratura lo sanno. Ne “Il canto degli animali”, Paolo Isotta attraversa le pagine di Ovidio, Lucrezio, Wagner, Strauss e molti altri per raccontare questa fratellanza. Pubblichiamo alcuni stralci del libro, tratti dal proemio e dall’ultimo capitolo. L’espressione degli animali non può prescindere dalla contemplazione della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.