» Cultura
domenica 22/10/2017

Ce lo insegnano gli antichi: gli animali sono nostri amici

Da Ovidio a Litz, Paolo Isotta attraversa letteratura e musica per raccontare le umiliazioni inflitte dall’uomo ai suoi “fratelli”, capaci non soltanto di perdonare, ma anche di dare l’esempio
Ce lo insegnano gli antichi: gli animali sono nostri amici

Gli animali e gli uomini sono profondamente legati: musica e letteratura lo sanno. Ne “Il canto degli animali”, Paolo Isotta attraversa le pagine di Ovidio, Lucrezio, Wagner, Strauss e molti altri per raccontare questa fratellanza. Pubblichiamo alcuni stralci del libro, tratti dal proemio e dall’ultimo capitolo. L’espressione degli animali non può prescindere dalla contemplazione della […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

“L’arte deve essere libera dallo Stato. Anzi, se serve, deve sputargli in faccia”

Cultura

La resilienza di Wondy: una mostra per ricordare Francesca Del Rosso

I (non) luoghi del cinema italiano: ossessione per la cattiveria esibita
Cultura
Di Successo e di critica

I (non) luoghi del cinema italiano: ossessione per la cattiveria esibita

di
Il fantasy è accanto a noi anche se non lo vediamo
Cultura
Vanni Santoni

Il fantasy è accanto a noi anche se non lo vediamo

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×