C’è il voto: tutto è perdonato. L’Ue non boccia la manovra

Bruxelles critica: “Sforamenti notevoli”. Ma niente stop: “Su Roma cade una responsabilità collettiva...”. Se ne riparla nel 2017
C’è il voto: tutto è perdonato. L’Ue non boccia la manovra

Il bilancio 2017 predisposto dall’Italia non piace a Bruxelles, soprattutto per certe leggerezze contabili, ma non arriverà nessuna bocciatura. E un giudizio più duro ci sarà solo all’inizio del 2017, a voto passato. C’è stata la Brexit, c’è stato Donald Trump, c’è il referendum costituzionale del 4 dicembre – il ragionamento – e quindi tutto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.