C’è aria (jazz) nuova al Festival di Torino

Il direttore Giorgio Li Calzi punta su nomi non “scontati”: “Bisogna rischiare, basta paure”
C’è aria (jazz) nuova al Festival di Torino

“Il pubblico è molto più vivo di quello che noi organizzatori ‘rincoglioniti’ pensiamo e vogliamo sempre ricreare”. È molto diretto Giorgio Li Calzi, da quest’anno direttore artistico del Torino Jazz Festival (www.torinojazzfestival.it), parlando di quella sensazione che si ha dando uno sguardo ai programmi delle rassegne concertistiche in Italia, monopolizzate quasi sempre dagli stessi grandi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.