» Società
lunedì 09/05/2016

Catilina immerso nell’orrore della società

Dopo che lo Stato cadde in assoluto potere di pochi privilegiati (…) tutti noi cittadini onesti e valorosi, nobili e non nobili, fummo tenuti in conto di anonimo volgo, senza credito né autorità, soggetti a coloro ai quali, se la repubblica fosse ancora vitale, avremmo incusso un giusto timore. E dunque per favore, potenza, cariche, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Società

Ugo Guarino, in lotta con la sua matita per capire “La libertà è terapeutica”

Società

I miei cari e dolci amici pidocchi

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×