Catanzaro, corsa fra indagati

Il Partito democratico punta su Vincenzo Ciconte, consigliere regionale a processo per “Rimborsopoli”. Il centrodestra insiste con l’uscente Sergio Abramo di “Multopoli”
Catanzaro, corsa fra indagati

A Catanzaro come a Cosenza. Se non sono imputati, o almeno indagati, il Pd non li candida a sindaco. L’anno scorso è toccato all’ex dalemiano Carlo Guccione che, pur essendo coinvolto nell’inchiesta “Rimborsopoli” si è presentato alle elezioni nella città dei Bruzi alleandosi con Denis Verdini e ha preso una tranvata riconsegnando Cosenza al centrodestra. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.