Catania, capolinea per l’ambulanza della morte

Cinquanta casi sospetti - Tre uccisioni accertate, un arresto Per 300 euro di “provvigione” dell’agenzia funebre mafiosa
Catania, capolinea per l’ambulanza della morte

Uccidevano i malati terminali in ambulanza, durante il viaggio di ritorno a casa dove avrebbero dovuto trascorrere gli ultimi momenti di vita. Ma a casa vivi non ci arrivavano mai. L’operazione dei carabinieri di Paternò, in provincia di Catania, ha portato all’arresto di un barelliere, Davide Garofalo, di 42 anni, ed è stata appunto chiamata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.