Casta, dipendenti e “aiutini”: al tavolo con Scarpellini

Casta, dipendenti e “aiutini”: al tavolo con Scarpellini

Il dottor Scarpellini vi aspetta”, uffici della società Milano 90, quadri, legno, marmo ovunque, tavoli infiniti. A sinistra, piazza Navona. A destra, palazzo Madama. Il corridoio è ancora lungo, pure buio, ma Sergio Scarpellini (arrestato venerdì), “er fornaretto” per celebrare le virtù e “er cavallaro” per biasimare i vizi, ancora non s’intravede. Con un eloquio […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.