Caso Shalabayeva, ecco le divergenze tra i superpoliziotti

Accusati di sequestro - Oggi udienza preliminare. Cortese a verbale: “Non mi occupai dell’espulsione”. Improta: “Trattenerla era dovuto”
Caso Shalabayeva, ecco le divergenze tra i superpoliziotti

Nessun ruolo nell’espulsione di Alma Shalabayeva. L’attuale questore di Palermo, Renato Cortese, che all’epoca dei fatti guidava la Squadra Mobile di Roma, rispedisce al mittente il contenuto di un appunto secondo il quale, il 29 maggio 2013, il suo ufficio si sarebbe occupato del trattenimento e dell’espulsione della moglie di Muhtar Ablyazov, il dissidente kazako […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.