Caro profugo, conduci una morte morigerata

Caro profugo, conduci una morte morigerata

Ode dai consolati d’Europa agli sconsolati dell’universo intero. (Dato che la nostra macchina del fango ne produce così tanto, da Calais fino a Idomeni; e dato che lo stesso fango che qualcuno usò per modellare il primo essere, ora ne ha miracolosamente plasmato un altro: Bayan)   Caro profugo, conduci una morte morigerata. Non abbassare la […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.