Caro Grillo, è meglio l’embargo alla tv

Ma perché i cinquestelle vanno in televisione? Davvero credono di guadagnare consensi partecipando allo stucchevole teatro della politica in video? Di trovare più voti, di convincere più elettori con la loro presenza in programmi dagli share da prefisso telefonico (e per di più visti sempre dalle stesse persone)? Ad assistere alle comparse di Di Maio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.