“Caro contribuente, ti scrivo”: così il Fisco incassa milioni

Basta con le liti: l’Agenzia dà la possibilità di rimediare agli errori ed evitare l’accertamento
“Caro contribuente, ti scrivo”: così il Fisco incassa milioni

Palla in buca, o meglio migliaia di lettere per la compliance nella cassetta delle poste. Ma il risultato, secondo il Fisco, è sempre vincente: per fare cassa e ridurre le sacche dell’evasione non serve una caccia sfrenata agli evasori, basta il perdono. “Gentile contribuente, abbiamo riscontrato un’anomalia nei suoi dati. La preghiamo di controllare. Cordiali […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.