Carl Brave è più grande o è solo in gruppo?

Il rapper porta nella Capitale da Fabri Fibra a Francesca Michielin
Carl Brave è più grande o è solo in gruppo?

Sembra esser lì in bilico, tra una malinconia che mastica Goleador e una legittima domanda: “Sarà ora di andare oltre?”. Cioè, “s’è fatta ’na certa?”. Se voglia o meno crescere, Carl Brave, non lo sa manco lui. Il rapper, in uscita l’11 maggio con Notti brave (Universal) già militava nelle scena capitolina come solista prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.