Cari tifosi, non ci resta che essere veri sportivi

Quando la narrazione stona dai fatti, quando le partite di calcio diventano delle parcellizzazioni mentali perfette solo per creare scalpore, solleticare un applauso o dimostrare la capacità di erpicarsi anche su tesi ostiche. Questo fino all’altro ieri. Oggi il livello è salito, la fantasia conquista anche gli ultimi brandelli di scienza esatta applicata al pallone, […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.