Care archistar, andare e leggere la legge di Vitruvio

A determinare la professionalità dell’architetto contribuiscono numerose discipline e svariate cognizioni, perché è lui a dover vagliare e approvare quanto viene prodotto dalle altri arti. (…) È quindi inevitabile che chi si definisce architetto (…) dovrà possedere un acuto ingegno ed essere duttile nell’apprendere i rudimenti dell’arte, perché né l’inclinazione naturale senza principi teorico-scientifici è […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.