“Cappuccetto rosso” e il lupo cattivo di Raqqa

Da Kobane all’Eufrate - La combattente curda, immortalata da Zerocalcare, uccisa nella capitale Isis
“Cappuccetto rosso” e il lupo cattivo di Raqqa

Era stata ribattezzata dai suoi compagni di lotta la “ragazza con il cappuccio rosso”, ma per i magistrati turchi la prova della sua militanza tra le file del partito comunista marxista-leninista, Mlkp – bollato come organizzazione terroristica fin dalla fondazione nel 1994 – era la sciarpa rossa che indossava quando fu arrestata durante la rivolta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.