Capi e democrazia: l’ossimoro post-voto

È possibile prendere una boccata d’aria meno greve di quella nella quale siamo immersi e, sottraendoci al ruolo di voyeur costretti a seguire una politica politicante e un’antipolitica non meno politicante impegnate in mosse e contromosse varie, affrontare qualche questione politica più seria: democrazia partitocrazia, capi-partitocrazia (brutto nome di ancor più brutta cosa, come il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.