Campi rom, corrotti in Comune

Non solo denaro. Per ottenere i lavori di bonifica, gli imprenditori regalavano anche collier e biglietti al teatro. Coinvolti 2 dipendenti pubblici e una funzionaria, già condannata per corruzione
Campi rom, corrotti in Comune

Venivano scambiate anche negli uffici del Campidoglio le tangenti che gli imprenditori – secondo le accuse dei pm – pagavano per ottenere in cambio notizie e favori sugli appalti per la manutenzione e le bonifiche nelle aree romane dove sorgono i campi rom. Nel secondo giorno di Virginia Raggi come nuovo sindaco di Roma, un’inchiesta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.