Cameron non rimpiange la Brexit

Il premier conservatore britannico parla per la prima volta dopo il referendum anti-Ue: “Avrei dovuto fare prima una consultazione su quanto è cambiata l’Europa”
Cameron non rimpiange la Brexit

L’ex primo ministro britannico David Cameron non si è pentito per aver indetto il referendum sulla Brexit e anzi ha dichiarato che il vero sbaglio è stato aspettare così tanto per farlo, perché l’Europa così non funziona e il malcontento sta avvelenando la politica. Lo ha detto in uno dei suoi primi discorsi pubblici dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.