Call center, un settore distrutto più dalla politica che dalla crisi

Il 10 novembre protestano i dipendenti di Almaviva contro i licenziamenti Incentivi sbagliati e delocalizzazioni: addio all’ultimo pezzo di economia ad alta intensità di lavoro
Call center, un settore distrutto più dalla politica che dalla crisi

In una città senza grandi industrie come Roma, il palazzone di Almaviva alla periferia Nord è la cosa più simile a una fabbrica. Invece delle catene di montaggio ci sono le cuffiette e i computer di un call center. E come tante altre fabbriche che hanno segnato la storia d’Italia sembra destinata a diventare un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.