Calenda a Roma, vuoto a Bruxelles nei mesi decisivi

Sviluppo - Dopo poco più di un mese da ambasciatore, torna in Italia per fare il ministro. E l’Italia perde peso sul dossier migranti
Calenda a Roma, vuoto a Bruxelles nei mesi decisivi

ABruxelles la notizia dell’imminente addio di Carlo Calenda era iniziata a circolare venerdì, due giorni prima che in diretta tv il premier Matteo Renzi annunciasse di averlo nominato ministro dello Sviluppo. Negli ambienti italiani nella Capitale europea in queste ore prevale lo sconcerto: la nomina di Calenda come ambasciatore presso le istituzioni europee era arrivata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.