Caccia ai sopravvissuti dell’Isis nelle sabbie libiche

Sirte - Le truppe filo Serraj ripuliscono la città tra nemici bruciati vivi e schiave-sessuali liberate. Ma gruppi di jihadisti si nascondono a sud
Caccia ai sopravvissuti dell’Isis nelle sabbie libiche

I ragazzi si muovono frenetici sulle macerie della casa in riva al mare. A decine si ammassano verso le viscere della casa distrutta. Qualcuno dall’interno urla: “Ce ne sono sette, sono vivi”: la tensione monta nell’aria. Le forze libiche hanno scovato combattenti dello Stato islamico in una delle abitazioni a Jiza Bahirya, dove il giorno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.