Caccia a 5 miliardi e referendum, così il “banchiere politico” crea instabilità

La nomina; Renzi e Padoan si comportano come se la banca fosse già nazionalizzata
Caccia a 5 miliardi e referendum, così il “banchiere politico” crea instabilità

La nomina di Marco Morelli come nuovo amministratore delegato del Monte dei Paschi doveva portare stabilità, anche in vista del referendum sulle riforme del 4 dicembre: nessun governo potrebbe sopravvivere alla crisi della terza banca italiana in campagna elettorale. E invece proprio l’intreccio con la politica sta trasformando quella scelta in uno di quegli elementi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.