Brevi riflessioni sul dovere di leggere i classici

Alzi la mano chi, leggendo Il conte di Montecristo, si è domandato mai se Dumas avesse letto tutto Shakespeare o tutto Omero e magari, perché no, anche Virgilio e Dante, Boccaccio e l’Ariosto. Forse non l’aveva fatto, considerando quanto è stata fertile la produzione del padre dei moschettieri. La domanda pare comunque oziosa, soprattutto rispetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.