Brancaleone sì che conosceva Dante, Pascoli e Machiavelli

L’analisi della sceneggiatura del capolavoro di Monicelli sfata il luogo comune della lingua inventata e strampalata: ci sono riferimenti anche a Pulci, Belli e Manzoni
Brancaleone sì che conosceva Dante, Pascoli e Machiavelli

L’armata Brancaleone, il film di Mario Monicelli vincitore di due Nastri d’argento al Festival di Cannes nel 1966, deve la sua fortuna a diversi fattori: la bravura di attori come Vittorio Gassman, Gian Maria Volonté, Enrico Maria Salerno e Catherine Spaak – solo per ricordare i più noti –, i suggestivi paesaggi dell’alto Lazio e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.