» Cinema
mercoledì 06/09/2017

Brancaleone sì che conosceva Dante, Pascoli e Machiavelli

L’analisi della sceneggiatura del capolavoro di Monicelli sfata il luogo comune della lingua inventata e strampalata: ci sono riferimenti anche a Pulci, Belli e Manzoni
Brancaleone sì che conosceva Dante, Pascoli e Machiavelli

L’armata Brancaleone, il film di Mario Monicelli vincitore di due Nastri d’argento al Festival di Cannes nel 1966, deve la sua fortuna a diversi fattori: la bravura di attori come Vittorio Gassman, Gian Maria Volonté, Enrico Maria Salerno e Catherine Spaak – solo per ricordare i più noti –, i suggestivi paesaggi dell’alto Lazio e […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cinema

Fa le fusa, ma graffia. È la fiaba italiana animata, reale e sorprendente

Cultura

Sesso, clichè e noia: come costruire un caso editoriale

A casa è un big bang di nevrosi borghesi
Cinema
Al cinema

A casa è un big bang di nevrosi borghesi

di
Donne contro: “Hanno avuto paura di non lavorare più”
Cinema
Molestie - La polemica il giorno dopo il manifesto “Dissenso comune”

Donne contro: “Hanno avuto paura di non lavorare più”

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×