Bouhlel, il depresso che voleva morire da “eroe della fede”

Le passioni occidentali, il divorzio: parabola di Mohamed, “convertito” da frustrazione e gelosia
Bouhlel, il depresso che voleva morire da “eroe della fede”

È meglio morire come un eroe della fede, osannato da milioni di fanatici. Molto meglio che come un qualunque suicida vinto dalle depressione. Il segreto di Mohamed Lahouaiej Bouhlel è questo, io che lo conoscevo ne sono certa: non un martire della fede, ma uno psicopatico”. La verità sulla strage del 14 luglio a Nizza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.