» Primo Piano
sabato 16/07/2016

Bouhlel, il depresso che voleva morire da “eroe della fede”

Le passioni occidentali, il divorzio: parabola di Mohamed, “convertito” da frustrazione e gelosia
Bouhlel, il depresso che voleva morire da “eroe della fede”

È meglio morire come un eroe della fede, osannato da milioni di fanatici. Molto meglio che come un qualunque suicida vinto dalle depressione. Il segreto di Mohamed Lahouaiej Bouhlel è questo, io che lo conoscevo ne sono certa: non un martire della fede, ma uno psicopatico”. La verità sulla strage del 14 luglio a Nizza […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Primo Piano

1.700 metri di terrore e un check-point fantasma

Primo Piano

Le grida delle piccole vittime fra gli spettri del lungomare

Con la legge Madia più concorsi fasulli
Primo Piano
In Tv

Con la legge Madia più concorsi fasulli

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×