» Cultura
venerdì 14/04/2017

Boss Hog, diciassette anni per (ri)vendere l’anima

Boss Hog, diciassette anni per (ri)vendere l’anima

La leggenda narra che i Boss Hog esordirono quasi per caso, sul palco dell’indimenticato CBGB, per rimpiazzare un altro live saltato all’ultimo. Era il 1989 e la band di Jon Spencer (sì, quello della Blues Explosion), ma soprattutto dell’irresistibile consorte Cristina Martinez, metteva in musica il suono irriverente e sporco del Lower East Side newyorchese […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Laino, quando il blues sa guardare al futuro

Cultura

Non di sola acustica vive un batterista jazz

“La Ginzburg”, il modo diretto e sincero di stare al mondo
Cultura
L’intellettuale

“La Ginzburg”, il modo diretto e sincero di stare al mondo

di
Cultura
Cinema - European Audiovisual Observatory 2017

Biglietti in calo in tutta Europa. L’Italia la peggiore: -12% di ingressi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach
Cultura
L’analisi

Il fulcro della musica sacra di Bach è Bach

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×