Boss Hog, diciassette anni per (ri)vendere l’anima

Boss Hog, diciassette anni per (ri)vendere l’anima

La leggenda narra che i Boss Hog esordirono quasi per caso, sul palco dell’indimenticato CBGB, per rimpiazzare un altro live saltato all’ultimo. Era il 1989 e la band di Jon Spencer (sì, quello della Blues Explosion), ma soprattutto dell’irresistibile consorte Cristina Martinez, metteva in musica il suono irriverente e sporco del Lower East Side newyorchese […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.