Boncompagni, quel teppista mai cresciuto né invecchiato

Boncompagni, quel teppista mai cresciuto né invecchiato

L’appuntamento era a pranzo, in un ristorante del quartiere Prati, a Roma. Antonio Padellaro e io lo trovammo già lì fuori dal locale, con gli zoccoli ai piedi scalzi e una ragazza accanto (“una mia allieva”). In una telefonata di qualche giorno prima, la nostra dose settimanale di cazzeggio, era nata l’idea di una rubrichina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.