Bombe di Dortmund depistaggio jihad del nemico interno

Gli inquirenti scartano la pista dell’estremismo islamico e indagano negli ambienti degli ultras neonazi
Bombe di Dortmund depistaggio jihad del nemico interno

Abdul Beset A., l’iracheno di 26 anni fermato dalla polizia a Wuppertal, non c’entra nulla con l’attentato al bus del Borussia Dortmund. Però resta dentro “per appartenenza al gruppo islamico Isis” a cui sarebbe stato affiliato sino alla fine del 2014, quando si trovava ancora in Iraq, dove avrebbe svolto un ruolo non secondario al […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.