Bombe carta per ricordare la “vittoria” No Tav del 2005. La polizia si apposta: tre arresti

Bombe carta per ricordare la “vittoria” No Tav del 2005. La polizia si apposta: tre  arresti

Sono stati arrestati dagli agenti nascosti nei boschi subito dopo aver partecipato a un blitz al cantiere della Torino-Lione a Chiomonte (Torino), in Val di Susa , e aver lanciato fuochi d’artificio e bombe carta. Così venerdì notte sono finiti in carcere tre militanti No Tav accusati di resistenza a pubblico ufficiale, travisamento ed esplosione […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.