Bomba o disastro, l’Egitto di Al-Sisi è colpito al cuore

Dopo l’aereo precipitato nel Mediterraneo il settore del turismo (20% dell’economia) rischia il crollo definitivo
Bomba o disastro, l’Egitto di Al-Sisi è colpito al cuore

Il giorno dopo l’inabissamento del volo Egyptair, partito da Parigi e diretto al Cairo, oltre alle lacrime e al cordoglio, c’è spazio solo per la conferma di quanto era già scontato, giunta però da una fonte ufficiale. “Non ci sono superstiti” dice il ministro dell’Aviazione civile egiziana Sherif Fathy, ponendo fine alle poche speranze dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.