“Bomba Madia” sulla cultura. Tutti a casa, poi si vedrà

A rischio in 2-3000 fra soprintendenti, funzionari, tecnici, custodi. Sommati ai tremila posti già vacanti, significa un terzo degli addetti ai Poli museali. Un disastro
“Bomba Madia” sulla cultura. Tutti a casa, poi si vedrà

Una bomba burocratica a orologeria sta per scoppiare nel già disastrato ministero per i Beni culturali. Targata “riforma Madia”, essa svuoterebbe il ministero di 2-3.000 fra soprintendenti, funzionari, tecnici, custodi. Sommati ai 3.000 i posti già vacanti nelle pur “magre” piante organiche, quasi un terzo degli addetti ai Poli museali, ai monumenti archeologici, alle Soprintendenze […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.