Bigliettopoli: rischia il crollo la prima repubblica del pop

Secondary ticketing: oltre lo scandalo, cosa può cambiare
Bigliettopoli: rischia il crollo la prima repubblica del pop

Otto miliardi di dollari. Tanto vale il business globale del bagarinaggio: roba da far impallidire i narcos. “Sì, è come la cocaina”, ammicca Michael Rapino, Ceo di Live Nation, la più potente società internazionale per l’organizzazione dei concerti, con sedi in 40 Paesi: 25mila show l’anno per 73 milioni di spettatori. Peccato che la filiale […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.