Bersani: “I voti sono i miei”. Ma Renzi se ne infischia

L’ex segretario: “A Palazzo Chigi grazie a me”. La maggioranza: “Non ci facciamo uccidere”. Resa dei conti al congresso, incognita consultazione sulle riforme
Bersani: “I voti sono i miei”. Ma Renzi se ne infischia

I voti contano, ma non sempre bastano. E lo sa benissimo Bersani quando reclama “Renzi governa comodamente con i miei”. Che alla fin fine – polemiche sul partito della Nazione, sulla segreteria, sulle primarie taroccate, sul tradimento dell’Ulivo – si gira sempre attorno a quei 8.640.000 consensi (molti al di sotto dei 12 milioni del […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.