Berlusconi: come fu e come non fu che s’innamora sempre dei suoi sicari

Nella sua cartella psico-politica si invera la profezia di Lenin: “Ci venderanno la corda con cui li impiccheremo”
Berlusconi: come fu e come non fu che s’innamora sempre dei suoi sicari

Psicopatologia dell’autogolpe. È un caso clinico-politico il Berlusconi innamorato da sempre dei suoi sicari e dei suoi traditori. Silvio che oggi – qualunque sia la legge elettorale – s’innamora di Mario Draghi invera, infatti, la profezia di Lenin: “Ci venderanno la corda con cui li impiccheremo”. Ecco un tentativo di anamnesi: in principio fu Antonio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.