Bentornati (Italiani) a Venezia. Sempre più internazionali

Da Virzì ai Taviani fino a Sollima, la truppa nostrana è ricca
Bentornati (Italiani) a Venezia. Sempre più internazionali

Abbondanza. Dopo l’imbarazzo dell’offerta, l’imbarazzo della scelta: il cinema italiano alla prossima Mostra di Venezia torna (in) grande. Sa Dio quanto ce n’è bisogno, perché lo stato dell’arte è gravoso, di più, penoso. Andando con ordine, non centriamo un concorso ai principali festival internazionali da Berlino 2016, dove Fuocoammare vinse l’Orso d’Oro. A Cannes, dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.