basta un No, senza entrare nel merito

L’ultima parola d’ordine della campagna referendaria è che ci si debba limitare ad analizzare il testo della riforma, entrando nel merito. Ma non c’è affatto bisogno di entrare nel merito, se si ritiene che la riforma merita di essere bocciata “a prescindere”, come espressione di puro analfabetismo costituzionale. 1) È scontato che la partecipazione al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2018 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.